Comune di Grumo Appula
Ingrandisci Riduci Ripristina
Home
Comunicato del Sindaco e dell'Amministrazione Comunale PDF Stampa
Martedì 27 Dicembre 2016 07:48

Il Sindaco, in virtù dei poteri e degli oneri allo stesso riconosciuti dalla vigente normativa (testo unico sulla Pubblica Sicurezza) subito dopo aver appreso la notizia del manifesto funebre in ricordo del sig. Sollecito Rocco, a firma del Parroco, don Michele Delle Foglie, affisso per le vie cittadine ed alla luce del tenore letterale dello stesso, ha immediatamente informato l’Ufficio del Questore di Bari, il Prefetto e il locale Comando dei Carabinieri.

Proprio nella sua veste di Ufficiale del Governo ed autorità di Pubblica Sicurezza, il Sindaco riteneva doverosa la segnalazione di seguito alla ordinanza emessa proprio del Questore di Bari circa sette mesi fa, ordinanza che vietava categoricamente la celebrazione della messa in forma pubblica e solenne del defunto Sollecito in occasione del suo decesso.

Il Sindaco provvedeva inoltre a segnalare l’accaduto anche all’Ufficio della Curia di Bari-Bitonto per gli eventuali provvedimenti del caso.

Il Sindaco ritiene, infatti, che proprio in virtù della richiamata ordinanza che obbligava don Michele Delle Foglie a celebrare la messa di suffragio alle ore 06,00 del mattino già sette mesi orsono, la messa in forma solenne non poteva essere celebrata; il Parroco avrebbe dovuto declinare l’invito e/o magari celebrare una normale messa, come succede per tanti grumesi che lavorano e/o vivono fuori, evitandone la spettacolarizzazione o l’affissione di manifesti: per consolidata consuetudine i manifesti vengono commissionati ed affissi alla scadenza dei trenta giorni (trigesimo) o dopo un anno dalla scomparsa dell’estinto e mai a scadenze intermedie.

Subito dopo la segnalazione il Questore, recependo immediatamente quanto segnalato e condividendone evidentemente i timori, ha emanato un nuovo provvedimento col quale si vieta formalmente, anche per il giorno 27 p.v., la celebrazione in forma pubblica e solenne della messa in suffragio del sig. Sollecito.

In virtù di quanto sopra anche il Vescovo ha, con proprio provvedimento, vietato la celebrazione nelle forme annunciate.

In merito poi alle dichiarazione del Parroco intervistato dai canali televisivi nazionali e trasmesse durante i tg, il Sindaco -e l’Amministrazione- prende formalmente le distanze dai giudizi espressi dal Sacerdote: i Grumesi non sono un popolo di ignoranti ma di gente perbene che probabilmente preferisce zittire difronte a tanta arroganza.

Il Sindaco, ad ogni modo, ritiene che il Vescovo e le Autorità preposte debbano intervenire con provvedimenti esemplari peraltro più volte ormai richiesti ad esclusivo interesse della comunità religiosa già abbastanza provata e danneggiata.

Allegato:
Ordinanza del Questore di bari del 26/12/2016